mercoledì 25 settembre 2013

Rito civile o religioso? Ecco la nostra scelta!



Buon giorno!
Come ben saprete siamo alla ricerca della location per il ricevimento di nozze, e durante le nostre visite ai vari ristoranti ci siamo resi conto che per il rito civile è meglio cercare una location a parte.
Noi abbiamo deciso di sposarci con il rito civile, pertanto ci piacerebbe trovare una bella location che ci offra un bel prato adatto ad organizzare la funzione del rito.
Siamo certi ci riusciremo!

Contrariamente a quello che credono alcuni, va detto che il matrimonio civile è un atto di grandissima importanza, non rappresenta nè una seconda scelta, nè un'attenuazione degli impegni e degli oneri. E' infatti uno di quegli atti simili al giuramento in tribunale: coinvolge gli individui dal profondo e pone le proprie basi su etica (firma e testimoni), morale (vi è l'obbligo giuridico della fedeltà), rapporti sociali (è un atto pubblico), rapporti economici (mutuo soccorso fra i contraenti).
L'impegno morale e civile che gli sposi assumono tra loro è dunque lo stesso del rito religioso.

Ma qual è l'iter da seguire nel caso di matrimonio con rito civile?

Bisogna presentarsi all'Ufficio Matrimonio di stato civile del comune con i propri documenti d’identità. Non è necessario andare entrambi, basta, infatti, anche uno solo dei fidanzati, con delega a eseguire le pubblicazioni su carta semplice firmata dalla persona assente e copia del documento di identità del delegante.

A questo punto gli incaricati comunali, accertato l’effettivo stato di libertà da vincoli di precedenti matrimoni e la reale consapevolezza di entrambi gli interessati, provvederanno ad elaborare tutta la documentazione necessaria per le pubblicazioni. Queste, con le generalità dei promessi e il luogo di celebrazione delle nozze, verranno poi esposte per 8 giorni alla Porta della Casa Comunale dei comuni di residenza di entrambi i futuri sposi.

Le pubblicazioni vengono esposte per rendere nota a tutti l'intenzione dei fidanzati di sposarsi, affinché chiunque ne abbia motivo possa opporsi, qualora, ovviamente, sussistano degli impedimenti di cui costoro siano a conoscenza o nel caso ci fossero altre gravi ragioni previste dalla legge.

Trascorsi 3 giorni dopo il termine delle pubblicazioni, l’Ufficiale di Stato Civile, se non gli è stata presentata nessuna opposizione, rilascia il “nullaosta” al matrimonio, in cui dichiara che quella celebrazione non ha impedimenti agli effetti civili e che i due fidanzati possono celebrare le proprie nozze entro 180 giorni dalla scadenza della pubblicazione, pena la decadenza di validità dei documenti.
Se ci si sposa in un comune diverso da quello in cui è stata avviata la pratica bisogna portare il nulla osta, o spedirlo per posta, all'Ufficio di Stato Civile del comune scelto per le nozze. Questo documento ha una validità di sei mesi ed entro questo termine devono essere celebrate le nozze. Se trascorrono più di sei mesi dovrete rifare tutto l'iter.

E nel caso di matrimonio religioso?
Dopo l'iter descritto sopra, il comune rilascerà alla coppia anche un certificato di eseguite pubblicazioni o un’autorizzazione per il Ministro di Culto.


Bè noi intanto dobbiamo trovare la location, poi per l'iter burocratico abbiamo ancora tempo  Emoticon

Se avete consigli da darci noi come sempre siamo felici di leggere i vostri commenti!!!

Emoticon


14 commenti:

  1. Mi piace molto il tuo blog ti seguo!!!
    Se ti va seguimi anche tu su:

    http://loshoppingaitempidellacrisi.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie dei complimenti, e grazie di esserti aggiunta ai follower, passerò dal tuo blog!

      Elimina
  2. Informazioni molto utili ..perché alcune volte non si sa da dove iniziare :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, a volte sembra difficile e sembra chissà cosa bisogna fare. In realtà è tutto molto semplice ;-)

      Elimina
  3. Scegliere il solo rito civile o anche quello religioso, è una questione di fede o meno...l'impegno morale ovviamente esiste in entrambi i casi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, esatto. Però ancora al giorno d'oggi alcuni credono che il rito civile non abbia valore e che ci voglia per forza quello religioso per far si che il matrimonio sia valido! Questo non è affatto vero e ci ho tenuto a ribadirlo nel post per questo.

      Elimina
  4. Ci ho messo un pò perchè sono ritornata solo ora attiva nel blog.......ma ricambio volentieri ;-)
    Bellissimo blog!
    Baci
    lia-pinkdesigns.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquilla, grazie di essere passata di qui ;-)

      Elimina
  5. Sempre notizie interessanti cara Rachele...peccato che io sia un po' allergica alle nozze ahahahaha...
    Un abbraccio stretto!

    RispondiElimina
  6. Ciao ho scoperto il tuo blog e lo trovo molto interessante. ti seguo tramite GFC e Bloglovin se ti va di ricambiare questo è il link http://www.bloglovin.com/en/blog/3324175/alessandra-style/follow
    Alessandra
    www.alessandrastyle.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, grazie! Passerò di certo a trovarti sul tuo blog :-)

      Elimina